rachelzoe:

Helmut Newton I Catherine Deneuve 

rachelzoe:

Helmut Newton I Catherine Deneuve 

D’altra parte lo sapevamo fin da Dante che l’inferno ha una tendenza urbanistica. L’abbiamo sempre saputo, c’è una mappa dell’inferno, si può fare, ci sono delle strade, c’è una toponomastica, senza dubbio ci sono dei vigili.
Voi direte che anche il paradiso potrebbe avere qualche qualità visionaria di questo tipo ma non è mica vero, nella nostra cultura noi non riusciamo a pensare al paradiso, per il momento, se non come una variante particolarmente luminosa del nulla.
Giorgio Manganelli (via madonnaliberaprofessionista)
È meglio cader preda dei corvi che degli adulatori, perché quelli divorano solo i morti, questi i vivi.
George Bernard Shaw (via chiarettaposts)
simonacandini:

#wip of a new oil version of my #catwoman for An upcoming show at @moderneden in October! I’m very excited to be part of this show! !!There will be so many artists that I love. 😻😸😺😊😄😃💜💛💚💖💗💘💝💞 #simonacandini #simonacandiniart #lowbrowart #popsurrealart #popart #instaart #artofinstagram #bigeyesart #catwoman #modernedengallery

simonacandini:

#wip of a new oil version of my #catwoman for An upcoming show at @moderneden in October! I’m very excited to be part of this show! !!There will be so many artists that I love. 😻😸😺😊😄😃💜💛💚💖💗💘💝💞
#simonacandini #simonacandiniart #lowbrowart #popsurrealart #popart #instaart #artofinstagram #bigeyesart #catwoman #modernedengallery

It’s when you start to dream about good things that you should start to worry.
(via sarahcybins)
L’uomo mediocre non avverte né la grandezza, né la miseria, né l’Essere, né il nulla; non è né estasiato né decaduto: resta sul penultimo gradino della scala, incapace di salire e troppo pigro per scendere. Nei suoi giudizi come nelle sue azioni, sostituisce la convenzione alla realtà, approva ciò che trova posto nel suo casellario, condanna ciò che sfugge alle denominazione e alle categorie che conosce, teme la meraviglia e, non avvicinandosi mai al mistero terribile della vita, evita le montagne e gli abissi lungo i quali essa accompagna i propri amici. L’uomo geniale è superiore a ciò che compie: il suo pensiero è superiore alla sua opera. Il mediocre è inferiore a ciò che compie; la sua opera non è la realizzazione di un’idea, è un lavoro eseguito secondo certe regole. L’uomo di genio lascia sempre incompiuta la sua opera; l’uomo mediocre è pieno della propria, pieno di se stesso, pieno di niente, pieno di vuoto, pieno di vanità. Quest’odioso personaggio sta interamente in queste due parole: freddezza e vanità!
Ernest Hello, "L’uomo" (via anatomiadellamalinconia)
repulsion66:

Dimitris Anastasiou - The Surgery

repulsion66:

Dimitris Anastasiou - The Surgery

blastedheath:

Sven Svendsen (Norwegian/American, 1864-1934), Tree Trunks in Snow. Oil on canvas, 32 x 24 in.

blastedheath:

Sven Svendsen (Norwegian/American, 1864-1934), Tree Trunks in Snow. Oil on canvas, 32 x 24 in.

Se non torno di’ a mia madre che le voglio bene. Llewelyn, tua madre è morta. Allora glielo dico io.
Cormac Mccarthy - Non è Un Paese Per Vecchi (Einaudi, 2006)
colin-vian:

  Pawel Kuczynski

colin-vian:

  Pawel Kuczynski

tempsperdu:

Tutto il problema della vita è dunque questo: come rompere la propria solitudine, come comunicare con altri. Così si spiega la persistenza del matrimonio, della paternità, delle amicizie. Perché poi qui stia la felicità, mah! Perché si debba star meglio comunicando con un altro che non stando…

discardingimages:

rabbit riding a hound with a trained snail of prey Pontifical of Guillaume Durand, Avignon, before 1390.
Paris, Bibliothèque Sainte-Geneviève, ms. 143, fol. 165r

discardingimages:

rabbit riding a hound with a trained snail of prey 

Pontifical of Guillaume Durand, Avignon, before 1390.

Paris, Bibliothèque Sainte-Geneviève, ms. 143, fol. 165r

You forget what you want to remember, and you remember what you want to forget.
Cormac McCarthy, The Road (via observando)
Vi troverai le stesse cose di oggi: gente che si sposa, che alleva i figli, si ammala, muore, combatte, festeggia, commercia, lavora la terra, adula, fa il superbo, sospetta, trama, si augura la morte altrui, si lamenta del suo stato, fa l’amore, accumula ricchezze, aspira al consolato o al trono. Ebbene, tutta quella gente è morta, non la trovi più da nessuna parte. Passa poi all’epoca di Traiano: la stessa vita, le stesse cose, gli stessi personaggi. Morti anche loro. Parimenti considera le testimonianze di ogni altra epoca e paese, e guarda quanti, dopo tanto affaticarsi, sono scomparsi in un baleno, dissolti negli elementi stessi di cui erano composti.
Marco Aurelio (via nietzscheinlife)