tempsperdu:

Tutto il problema della vita è dunque questo: come rompere la propria solitudine, come comunicare con altri. Così si spiega la persistenza del matrimonio, della paternità, delle amicizie. Perché poi qui stia la felicità, mah! Perché si debba star meglio comunicando con un altro che non stando…

discardingimages:

rabbit riding a hound with a trained snail of prey Pontifical of Guillaume Durand, Avignon, before 1390.
Paris, Bibliothèque Sainte-Geneviève, ms. 143, fol. 165r

discardingimages:

rabbit riding a hound with a trained snail of prey 

Pontifical of Guillaume Durand, Avignon, before 1390.

Paris, Bibliothèque Sainte-Geneviève, ms. 143, fol. 165r

You forget what you want to remember, and you remember what you want to forget.
Cormac McCarthy, The Road (via observando)
Vi troverai le stesse cose di oggi: gente che si sposa, che alleva i figli, si ammala, muore, combatte, festeggia, commercia, lavora la terra, adula, fa il superbo, sospetta, trama, si augura la morte altrui, si lamenta del suo stato, fa l’amore, accumula ricchezze, aspira al consolato o al trono. Ebbene, tutta quella gente è morta, non la trovi più da nessuna parte. Passa poi all’epoca di Traiano: la stessa vita, le stesse cose, gli stessi personaggi. Morti anche loro. Parimenti considera le testimonianze di ogni altra epoca e paese, e guarda quanti, dopo tanto affaticarsi, sono scomparsi in un baleno, dissolti negli elementi stessi di cui erano composti.
Marco Aurelio (via nietzscheinlife)
le cose migliori non ci appaino mai grazie ai tag.

Stracci alle fiamme

occhi allungati
un colpo alle porte
in fondo, giusto in fondo alla vita
scelti orizzonti
spingi oltre il cielo
mani, mani alle porte
un soffio e voli via 

Donne allagate
dritte al mio cuore in centro
rapide azzurre

when I lose my way
turning on pain 
swingers out of dance
swingers out of dance
swingers out of dance 

Stracci ai ricordi
in piccoli amici
queste signore
l’alba aspetta in fondo alla vita
pallide stragi
vuote al tornare
unghie, unghie alle porte
un soffio e poi è finita 

Piogge smaglianti
dritte al mio cuore in centro
rapide azzurre

when I lose my way
turning on pain 

swingers out of dance…
swingers out of dance..
swingers out of dance…

Teniamo in serbo le nostre domande perché noi stessi ne abbiamo paura, poi ad un tratto è troppo tardi per porle. Vogliamo lasciare in pace l’interrogato, non vogliamo ferirlo profondamente perché vogliamo lasciare in pace noi stessi e non ferirci profondamente. Rimandiamo le domande decisive e facciamo senza posa domande ridicole, inutili e meschine, e quando facciamo le domande decisive è ormai troppo tardi.
Il freddo - Thomas Bernhard
dichotomization:

An Iranian woman and her 3 year old daughter, disfigured from an acid attack from the husband/father.

dichotomization:

An Iranian woman and her 3 year old daughter, disfigured from an acid attack from the husband/father.

I’m almost never serious, and I’m always too serious. Too deep, too shallow. Too sensitive, too cold hearted. I’m like a collection of paradoxes.
Ferdinand de Saussure (via wordsnquotes)
Si può benissimo pensare che la magnificenza della vita sia pronta intorno a ognuno e in tutta la sua pienezza, ma velata, nel profondo, invisibile, lontanissima. E però non ostile, non riluttante, non sorda. Se la si chiama con la parola giusta, col giusto nome, viene.
Franz Kafka, Lettera a Milena (via dreams-in-my-sky)
Un consiglio che vorrei dare a chi usa tumblr:
“non mettete di deafult la musica nell’intera pagina”,
un’immagine se non ci piace o ci infastidisce la scorriamo, passiamo oltre, se ci piace ci soffermiamo ci emozioniamo il giusto o così tanto da rebloggarla, ma se in un pagina un pezzo o una sequenza musicale parte a prescindere da una nostra scelta, beh può infastidire un qualche lettore che magari apprezza quella data pagina per citazioni o immagini.
Poi potrete rispondere che o si ama un’entità nel suo complesso quindi si lascia perdere.
Ma insomma smettiamola do pensare a tumblr come un matrimonio, semmai postate i brani come fossero immagini e citazioni, chi ne godrà saprà come condividere.
L’anima, è la vanità e il piacere del corpo finché uno è in gamba, ma è anche la voglia di uscire dal corpo quand’è malato o le cose girano male. Delle due cose uno si prende quella che funziona meglio sul momento, ecco tutto! Fin che si può scegliere tra le due, va bene. Ma io, non potevo più scegliere, i giochi erano fatti! Stavo nella mia verità fino in fondo, e poi la mia stessa morte mi seguiva per così dire passo passo. Facevo fatica a pensare ad altro che al mio destino d’assassinato con la condizionale, che tutti d’altronde trovavano assolutamente normale per me. Questa specie d’agonia differita, lucida, ben portante, durante la quale è impossibile capire altro che non siano le verità assolute, bisogna averla sperimentata per sapere per sempre quel che si dice.
Louis-Ferdinand Céline (via nietzscheinlife)
satira,ironia,amore,patetico,mielenso,frasi,

satira,ironia,amore,patetico,mielenso,frasi,

La prova che nell’universo esistano altre forme di vita intelligenti è che non ci hanno ancora contattato.
Bill Watterson (via lemiecitazioni)